domenica 6 marzo 2011

L'angolo creativo di giuppy






Quando ha compiuto un mese, Elisabetta è stata “spedita” a dormire da sola nella sua stanza, prima in una vecchia culla di vimini e poi nel classico lettino con le sbarre. Noi non siamo per il co-sleeping, l’avrete capito.
Devo ammettere che il lettino con le sbarre non mi è mai piaciuto particolarmente: le sbarre mi hanno sempre dato l’idea di “prigione”, inoltre era impossibile fare a Elisabetta due coccole magari stendendosi vicino al lettino… almeno non senza ritrovarsi con un braccio incastrato! Cerca e cerca, mi sono fatta un’idea dei lettini montessoriani sul sito La casa nella prateria, ho visto qualche foto e deciso come avrei voluto il lettino per Elisabetta.
Ho un marito falegname, e questo mi ha aiutata non poco: gli ho passato un’immagine presa da internet e a cui sono risalita dal sito,  e in pochi giorni ha costruito questo capolavoro:

E’ un  lettino semplice (tanto semplice da essere soprannominato “cassa della legna”), con le ruote per essere spostato, dotato di un’apertura in fondo, in modo che Elisabetta possa, appena raggiunta la posizione eretta, sgusciare fuori con facilità e venire a interrompere il nostro sonno o qualsiasi altra cosa si stia svolgendo nel lettone. E’ anche molto basso, in modo che uscirne non sia pericoloso e permettere anche di stendersi vicino a Elisabetta per farle le coccole. Certo, il tappetone Ikea comprato su gentile suggerimento della ele aiuta! Il colore del lettino è lo stesso dell’armadio nella stanzetta:  un bel rosa tendente al glicine (sì, lo so, è lilla. Ma a me piace di più "rosa tendente al glicine"!!).

Complice sempre il marito falegname, ho fatto  tagliare le lettere che compongono il nome di Elisabetta in MDF e … qui inizia la parte creativa!! Ho carteggiato con pazienza le lettere, nel giro di una settimana avevo finito e non sapevo cosa farmene… quindi ho chiamato la ele, che passo passo mi ha suggerito cosa fare!!!

Ho dato alle lettere una prima mano di base bianca, poi le ho decorate utilizzando i colori acrilici: per le lettere a strisce, ho semplicemente passato i colori alternati utilizzando il nastro carta (e qui le numerose puntate di “Paint your life” viste quando ero incinta mi hanno ispirata). La lettera “L” è stata fatta attaccando degli adesivi a forma di cerchio: ho dato una prima mano di colore, poi ho tolto gli adesivi e ripassato l’interno dei cerchi con un altro colore. La lettera “B” è stata fatta nello stesso modo, ma gli adesivi a forma di cuoricino li ho disegnati e ritagliati io. Siccome sono furba, i cuoricini li ho fatti piccolissimi e ho messo alla prova il mio astigmatismo quando ho deciso di ripassare l’interno con un pennello minuscolo. Per le lettere “E” e “T” ho usato una tecnica che mi ha esaltata non poco: ho dato una prima mano di colore e poi ho fatto i puntini immergendo la punta di legno del pennello nel colore. Ho rifinito poi tutte le lettere con la vernice lucida spray (e mi sono sentita troppo Giuppy Muciaccia!!!!). Con l’aiuto del falegname di casa, ho poi attaccato le lettere al lettino con la colla a caldo. Ah, le lettere le abbiamo attaccate “scomposte” perché le cose lineari ci annoiano. O forse perché attaccarle in linea era troppo difficile???


So che a qualche vera donna creativa sta venendo la pelle d’oca, ma vi assicuro che per me è stata una soddisfazione! Sì, ok, ci ho messo un mese e mezzo a finire tutto ma… avete presente che bello quando potrò raccontare a mia figlia che io e il papà abbiamo fatto il suo lettino?? Ne approfitto per ringraziare la ele:  anche senza di lei non sarebbe stato possibile!!
Uff, dimenticavo... il mio personale contributo alle foto è stato aprire la finestra per far entrare la luce: il resto l'ha fatto il marito. 
giuppy

 

16 commenti:

  1. ......è una fortuna per te avere un marito falegname... capisco bene quello che hai provato... il mio compagno ha costruito la culla per la nostra principessa... classica di quelle dondolanti.... il mio contributo è stata una decorazione... ma il tuo lettino è davvero moderno.... dalle linee essenziali... un colore che è bellissimo e sostituisce alla grande il classico rosa.... e che dire delle lettere.... brava anzi bravi bravi bravi!!!

    RispondiElimina
  2. non ho parole, è stupendo, si si si capita che magari lo vorrò pure io.
    baci baci

    RispondiElimina
  3. Bellissimo lettino...e fortunata tu con un marito falegname!!
    Al confronto il letto in cui dorme Federico sembra una prigione....ma è pur sempre il lettino in cui ha dormito il suo papà...
    Le lettere sono bellissime...così scomposte, a mio parere, hanno il loro fascino!!!
    Manu

    RispondiElimina
  4. Il lettino è veramente bellissimo.......... complimenti ad entrambe!!! Dopo aver letto qui ogni volta che mi vengono le formiche al braccio facendo le coccole alla mia piccina tra le sbarre del suo lettino, mi verrai in mente e proverò un po' d'invidia!!!! Ma pazienza.......
    Aproposito, le lettere così scomposte sono una figata (si può dire?!?!?!)
    Ciao..............

    RispondiElimina
  5. STUPENDOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOO! Complimenti al marito falegname ma anche a te!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!! un bacione!

    RispondiElimina
  6. Bello realizzare con le proprie mani il letto dei figli! Complimenti a tutti e due per il lavoro che avete fatto, a te doppiamente per aver aperto la finestra =)!

    RispondiElimina
  7. macchemmeraviglia!!!!!!!!!!!!!!

    RispondiElimina
  8. Ma Giuppy, che dici: è fantasico! Voglio anch'io marito falegname e la metà della tua creatività. E poi il bello è che questo lettino è un pezzo unico! (ma davvero dorme da sola da quando aveva un mese? Ho davvero TANTO da imparare!)

    RispondiElimina
  9. ma è una meraviglia!!! L'idea, la realizzazione, il colore (ehehehe è glicine e io lo adoro perché è stato il colore dominante del mio matrimonio!!!), LE LETTERE!!! Tutto troppo originale...

    RispondiElimina
  10. grazie a tutte!! guardate che mi monto la testa!!

    suster sì, Elisabetta dorme da sola da quando aveva un mese e piange quando la mettiamo nel lettone. In compenso, ha imparato tardissimo a tenere su la testa e a stare seduta.. e ultimamente ogni pasto con lei potrebbe condurmi all'esaurimento nervoso dopo 5 minuti!! A ognuna le sue fortune!! ;)))
    giuppy

    RispondiElimina
  11. Complimenti! davvero carino! Il lettino montessoriano non lo conoscevo, ora mi studio il sito!

    RispondiElimina
  12. bellissimo questo lettino! complimenti a tutti e due è davvero una creazione unica a originale...e poi ci piace molto il rosa tendente al glicine ;-) Bravi, anche ad Elisabetta che fa la nanna da sola

    RispondiElimina
  13. Avrei voluto anch'io un lettino così! E' proprio speciale! :)

    RispondiElimina
  14. E' un posto nanna fantastico ^_^ complimenti a entrambi per aver costruito cotanta meraviglia! Fortunata la piccola Ely a poter dormire in questo regale lettino ;D se lo vedesse Giorgia ne vorrebbe uno anche lei...
    A presto
    SOnia

    RispondiElimina